Microsoft Windows XP

Nel 2001, ad un anno di distanza da Windows MeMicrosoft rilasciò Windows XP: l’unificazione dei sistemi operativi “standard” e quelli NT. Questo sistema operativo era basato sul kernel di Windows NT e mette in pensione una volta per tutte le applicazioni a 16 bit. Venne rilasciato in cinque differenti versioni:

  1. Windows XP Home Edition
  2. Windows XP Professional
  3. Windows XP Professional Corporate Edition
  4. Windows XP Media Center Edition
  5. Windows XP Tablet PC Edition (versione specifica per Tablet PC)
  6. Embedded Windows XP (versione ottimizzata per hardware vecchio)
microsoft-windows-xp

Nonostante i suoi anni, ad oggi (2013), WinXP è ancora il sistema operativo di Microsoft più diffuso ed amato dagli utenti, sebbene sia ormai troppo obsoleto e vulnerabile. La software house ha annunciato il termine del supporto a questo sistema operativo, senza proroghe, e l’ha fissato al giorno 8 aprile 2014. Dopo questa data non sarà più possibile ricevere aggiornamenti ed ottenere supporto tecnico per questa obsoleta versione di Windows. La versione Embedded, invece, ha ricevuto aggiornamenti fino al 2019!

Windows XP è stato il sistema operativo di Microsoft col ciclo vita più lungo. A causa della sua elevata diffusione, Microsoft ha pubblicato degli aggiornamenti extra per la sicurezza a maggio 2017, nonostante avesse terminato il supporto ben tre anni prima.

Le novità del nuovo Windows

XP è stata una vera e propria innovazione, sia per la parte di interfaccia grafica che per le funzionalità: venne introdotto Internet Explorer 6.0 (l’incubo degli sviluppatori web, ma questo è un altro discorso…), un sistema di attivazione online del prodotto, un’interfaccia grafica ridisegnata ed un menu start totalmente diverso da come eravamo abituati.

I successivi aggiornamenti, i Service Pack, hanno integrato sempre più funzionalità interessanti come il firewall e l’antivirus integrato.

Con Windows XP, però, si persero vari comandi del DOS tra cui i sottosistemi POSIX e OS/2, con conseguente perdita di possibilità di eseguire applicazioni a 16bit.

I problemi con l’Antitrust

Oltre al grosso interesse sul nuovo sistema operativo, l’uscita di XP è stata accompagnata anche da critiche e indagini dell’Antitrust a causa dell’integrazione di alcune applicazioni che avevano già un mercato a sé stante. Gli applicativi che hanno creato problemi erano: Windows Media Player, Windows Messenger e, in seguito, Internet Explorer.

La Commissione Europea, nel 2005, impose a Microsoft di distribuire una versione del suo sistema operativo sprovvista di queste applicazioni. Da qui sono nate le varie versione “N” e, nel caso di XP la distribuzione Windows XP N