Microsoft Windows Phone

Windows Phone, abbreviato in WP o WinPhone, è stato il nuovo sistema operativo mobile di Microsoft che doveva sostituire il vecchio ed ormai obsoleto Windows Mobile. È stato presentato per la prima volta al Mobile World Congress (MWC) il 15 febbraio 2010. Questo sistema operativo è caratterizzato da un’innovativa interfaccia grafica che riprende, in alcuni punti, lo stile dello Zune HD (il lettore multimediale di Microsoft).

La nuova interfaccia è stata chiamata Metro UI in primo momento ma sostituita in Modern UI per problemi di copyright.

microsoft-windows-phone

Il 21 ottobre 2010, Microsoft ha distribuito al pubblico il suo Windows Phone 7, un sistema operativo fluido, stabile e veloce. Tuttavia, le limitazioni erano tante: in un primo momento non era possibile nemmeno effettuare il classico “Copia/Incolla”. Venne integrato a distanza di circa un mese con un minor update.

Sebbene il sistema operativo sia arrivato tardi sul mercato, dove oramai dominavano già Android e iOS, il suo sviluppo è iniziato molto prima. Nel 2004 la Microsoft era al lavoro su una nuova versione del suo Windows Mobile ma il progetto venne abbandonato. Dopo quattro anni, vennero riorganizzati i team di sviluppo e si iniziò a lavorare, nuovamente, al nuovo sistema operativo mobile. Il lancio doveva avvenire nel 2009 con il nome Windows Phone ma a causa di alcuni ritardi, Microsoft, fu costretta a pubblicare Windows Mobile 6.5.

I numerosi ritardi allo sviluppo causarono una folle corsa contro il tempo che ha provocato una cattiva gestione del progetto: non è stata mantenuta la retrocompatibilità con le applicazioni delle passate generazioni e la mancanza di alcune features basilari (copia/incolla, volumi separati, multi-tasking, suonerie personalizzate, contatore chiamate, etc…). Lo stesso Larry Lieberman, il responsabile di sviluppo della Microsoft Mobile Developer Experience, dichiarò che con più tempo a disposizione sarebbe stato possibile fare qualcosa in più.

L’utilizzo di questo nuovo nome, o marchio, per identificare questo nuovo prodotto da un lato ha differenziato il sistema dal suo predecessore e dall’altra reso chiara l’idea che, oramai, non si trattava di una versione in miniatura di Windows ma di un sistema prettamente per smartphone.

Tuttavia, è bene ricordare che già dalle versioni precedenti Microsoft ha iniziato una ri-modernazione dei marchi e dei termini: in Windows Mobile venne introdotto il MyPhone, il Marketplace e iniziò a riferirsi ai dispositivi come terminali Windows Phone.

Windows Phone 7, ha il numero di versione sette perché è la giusta evoluzione di Windows Mobile 6.5: è più di una semplice major release, difatti non porta con sé alcuna compatibilità con le applicazioni.

Windows Phone 7, come il suo predecessore, si basa sul kernel Windows CE ma, a differenza di Windows Mobile, è un sistema chiuso e limitato. Nonostante i passi in avanti fatti (interfaccia, stabilità, etc…), l’azienda di Redmond ha fatto parecchi passi indietro rimuovendo caratteristiche e funzionalità presenti nella vecchia versione.

Gli utenti Windows Mobile apprezzavano il sistema perché disponevano di un computer in miniatura che consentiva anche di telefonare; con Windows Phone 7, invece, è come avere un telefono che può svolgere qualcosa in più in ambito web e multimediale. Si sono perse troppe caratteristiche interessanti per allinearsi alla concorrenza Apple e che hanno fatto la fortuna dei sistemi Android.

Tuttavia, questa è la nuova politica di Microsoft anche se poi, un po’ alla volta, sta ritornando sui suoi passi.

Con Windows Phone 7 è cambiato anche il metodo in cui vengono sviluppate le applicazioni: adesso è necessario utilizzare C#Silverlight e XAML. E’, inoltre, disponibile un emulatore all’interno del SDK per testare le applicazioni su computer, prima della pubblicazione sul Marketplace (che è stato poi chiamato Windows Phone Store).

I primi produttori a distribuire terminali Windows Phone 7 sono stati:

  • HTC
  • Dell
  • Samsung
  • LG

A loro, poi, si sono uniti anche AcerFujitsu e ZTE. Tuttavia, la vera diffusione di Windows Phone si deve, per lo più, alla partnership con Nokia. L’azienda finlandese ha da subito realizzato terminali belli da vedere e resistenti. Inoltre, come suo solito, ha fornito un’ottima assistenza post-vendita rilasciando aggiornamenti firmware ed applicazioni esclusive, tra cui Nokia Drive (il navigatore satellitare gratuito) ed applicazioni per la personalizzazione del dispositivo.

Windows Phone 7, nel suo ciclo vita, ha avuto 4 aggiornamenti ufficiali da parte di Microsoft:

  • NoDo: introduce il copia e incolla, un miglioramento della velocità di esecuzione delle apps, miglioramenti ad Outlook e all’hardware (fotocamera, reparto audio e WiFi). Inoltre, è stata ottimizzata la ricerca nel Marketplace ed è stato aggiunto il supporto al CDMA.
  • Mango (o WP 7.5): sebbene abbia come numero di versione 7.1, viene indicato come 7.5 per evidenziare la major release. È stato un aggiornamento molto corposo in quanto ha stravolto l’intero sistema operativo: ha aggiunto l’ibernazione delle apps, il task-switcher, il nuovo browser IE9 mobile e centinaia di nuove funzioni.
  • Tango (o WP 7.5 refresh): è stato un aggiornamento minore che ha soltanto migliorato la gestione dei messaggi e pochi altri bug minori.
  • WP 7.8: È l’ultima versione rilasciata per i terminali WP7 e porta con sé molte funzionalità, essendo anch’essa una major release. Il sistema è migliorato in moli suoi aspetti, tra i quali l’interfaccia Start in cui sono state introdotte le tiles ridimensionabili. È stato, inoltre, esteso il supporto di Xbox Live e al Marketplace a nuovi paesi. Anche con questo sistema operativo è stato ottimizzato il tutto per una maggior fluidità e stabilità.

Il primo errore verso i consumatori

Windows Phone 7.8 è stato rilasciato come “contentino” per gli utenti che possedevano un terminale Windows Phone 7 in quanto con il rilascio di Windows Phone 8 non vi è stata alcuna possibilità di aggiornare a causa della differente architettura a cui si appoggiano i due sistemi.

Il secondo errore verso i consumatori

Windows Phone 8 è stato annunciato il 20 giugno 2012 ma è arrivata sul mercato soltanto il 29 ottobre 2012. Viene considerata, impropriamente, una major release del sistema precedente in quanto non è stato possibile aggiornare i vecchi terminali WP7 per l’architettura differente: Windows Phone 7 si basa sul kernel di Windows CE, mentre Windows Phone 8 si basa sul kernel di Windows NT.

La scelta di Microsoft non è stata presa di buon occhio dagli acquirenti di terminali WP7, specialmente quelli che avevano acquistato da poco il loro Nokia Lumia 900, in quanto a distanza di pochi mesi si sono ritrovati con un telefono “vecchio” lato software. Tuttavia, è stata una scelta sensata in quanto l’architettura simile consente un facile porting delle applicazioni tra smartphone, computer e tablet.

Windows Phone 8

Windows Phone 8, sebbene sia esteticamente uguale a Windows Phone 7 e includa la retrocompatibilità con le sue applicazioni, è un sistema operativo diverso e molto più performante. Solo l’interfaccia della Start Screen è identica a quella rilasciata per WP7.8: tiles ridimensionabili.

Mentre con WP7 era necessario utilizzare l’applicazione desktop Zune per la sincronizzazione di file multimediali, con WP8 è stato introdotto il protocollo MTP che consente di visionare il dispositivo all’interno di Esplora risorse e di copiare i file direttamente nel telefono, senza passare da nessuna applicazione dedicata.

È possibile, così, trasferire foto, musica, video, suonerie e documenti Office facilmente. Tuttavia, è sempre possibile sincronizzare in automatico contenuti multimediali grazie all’applicazione dedicata disponibile per Windows 8 (app), per Windows desktop e per Mac OS.

Un altro vantaggio è l’installazione degli aggiornamenti di sistema che viene slegata dall’ausilio di un computer in favore dell’OTA (Over-the-Air): ovvero gli update possono essere installati in automatico dallo smartphone che si occupa del download, dell’estrazione e dell’installazione in totale autonomia. Se da una parte si è guadagnata la possibilità di non dover utilizzare un computer per aggiornare il proprio telefono, dall’altra abbiamo perso la possibilità di ripristinare un backup del telefono contenuto sul computer. Adesso è necessario riscaricarlo dal cloud.

Ad oggi, Windows Phone 8 ha ricevuto 3 aggiornamenti ufficiali:

  • GDR1 (o Portico): è il primo aggiornamento rilasciato e porta con sé alcune funzionalità assenti: destinatari multipli agli sms, rifiuto di una chiamata con sms, WiFi sempre attivo (prima si disattivava quando il terminale andava in standby) e pochi altri bugfix minori.
  • GDR2: è l’update che ha sancito il ritorno della Radio FM all’interno di Windows Phone (presente in WP7 ma assente in WP8) in quanto presente nell’hardware ma non gestita per mancanza di tempo. Aggiunge, inoltre, la possibilità di lanciare dalla fotocamera dei filtri/obiettivi virtuali (ovvero altre applicazioni) per effettuare scatti d’effetto e Data Sense per il controllo del traffico dati in uscita. Non mancano gli aggiornamenti a IE mobile che diventa compatibile ad HTML5 e la tanto attesa integrazione del VoIP.
  • GDR3: Quest’aggiornamento ha aggiunto il supporto ai processori Quad Core della famiglia Snapdragon 800, agli schermi con risoluzione a 1080p e di 6″. Viene aggiunta la modalità guida (limita le notifiche quando attiva, ideale per quando si è in auto) e la possibilità di personalizzare le notifiche degli SMS, oltre che la possibilità di poter chiudere un’applicazione dal task-switcher.

I primi produttori che hanno partecipato alla distribuzione di Windows Phone 8 sono stati:

  • Nokia
  • HTC
  • Samsung
  • Huawei

Non ha partecipato, questa volta, LG che grazie al suo LG Optimus 7 ha contribuito alla diffusione della precedente versione del sistema operativo mobile.

A settembre 2013, Microsoft annuncia ufficialmente l’acquisizione della divisione Nokia Devices & Services, così da poter produrre da sé smartphone con marchio Lumia ed Asha, oltre che numerosi brevetti di proprietà dell’azienda finlandese. Pertanto, Nokia resterà attiva e presente nel mondo ma solo come sviluppatrice di Nokia Here (software e servizi di localizzazione).

Quello che ha favorito la vendita dei terminali Windows Phone, è stata la stabilità, la fluidità e la velocità con cui il sistema operativo viene eseguito su qualsiasi smartphone prodotto: sia di fascia alta che di fascia media o bassa. Questo perché Microsoft ha imposto dei requisiti minimi da rispettare ai suoi partner, per non aver problemi di frammentazione e di fluidità.

Ad aprile 2014, Microsoft ha rilasciato agli sviluppatori Windows Phone 8.1 Preview: una versione in anteprima della nuova major release del suo sistema operativo mobile. Anche qui le novità non mancano, tra cui ritroviamo: possibilità impostare un’immagine di sfondo alle tiles della Start Screen, un centro notifiche, Cortana (un assistente vocale dotato di IA), possibilità di modificare i suoni di notifica delle singole applicazioni, file picker per l’upload di file da browser, possibilità di scaricare file dal web, accesso a cartelle condivise di sistema, e tantissime altre… 

WP8.1 è davvero un sistema operativo nuovo, molti cambiamenti ed una maggiore velocità ed ottimizzazione di sistema. È stato aggiunto, inoltre, per la prima volta il supporto ai telefoni Dual Sim.

Nonostante il ritardo con cui è giunta nel mercato, Microsoft si stava creando la sua fetta di mercato e ci stava riuscendo: in alcuni paesi Windows Phone riuscì a superare persino iOS!

La fine di Windows Phone

Sebbene non sia mai stata confermata la fine di Windows Phone, ma solo uno stop di produzione di terminali e di distribuzione del sistema operativo da parte di Microsoft, è evidente che il progetto sia stato fallimentare.

Il problema principale di WP è sempre stato il parco applicazioni presenti sullo Store e, peggio di tutto, il mancato supporto da parte delle grandi aziende che non hanno investito nello sviluppo di una loro app per questa piattaforma. Dopo alcuni dati incoraggianti dei primi tempi, nel biennio 2013-2014 c’è stato il vero e proprio fallimento: lo Store non è riuscito a raggiungere una quota vicina a quelle dei competitors, ma addirittura ha perso valore. Questo ha sminuito l’interesse sia dei consumatori che degli sviluppatori ad avvicinarsi alla piattaforma.

Windows 10 mobile

Windows 10 mobile è stato presentato per la prima volta il 21 gennaio 2015, insieme alla versione desktop, come sostituto del sistema operativo Windows Phone e come unico sistema Microsoft per smartphone. Nato per far convergere le applicazioni tra il desktop ed il mobile e per avere un’unica interfaccia su tutti i dispositivi.

A tal punto, è bene ricordare che:

Windows 10, Windows 10 mobile, Windows RT, Windows 10 IoT ed Xbox One condividono lo stesso sistema operativo (sebbene customizzato in base al dispositivo) e la stessa interfaccia grafica Modern UI.

Microsoft ha iniziato la sua procedura di unificazione del sistema operativo. Da qui è nato il concetto di app universali, le UWP (Universal Windows Platform) che possono essere sviluppate mediante un SDK condiviso tra i vari sistemi. È possibile, così, acquistare una app dallo store ed eseguirla su PC, smartphone e su Xbox.

Alcuni dei dispositivi Windows Phone hanno avuto il privilegio di ottenere l’aggiornamento a Windows 10 mobile. Il sistema, in realtà, è una versione mobile di Windows 10 che poco si discosta, visivamente, dal precedente Windows Phone ma è in tutto e per tutto una versione minimale della versione per computer.

Prestazioni al top, gestione batteria migliorata e tante nuove funzionalità che hanno dato nuova vita a terminali considerati, oramai, morti per la fine del supporto e l’abbandono del progetto da parte di Microsoft.

Nonostante tutto, Microsoft ha terminato il supporto ufficiale il 14 gennaio 2020. Da allora, non è presente alcuna versione mobile del suo sistema operativo. In Windows 10 e Windows 11 vi sono pezzi di codice e funzionalità smartphone che potrebbero far pensare che non tutto è andato perso… Chissà, bisognerà attendere. Magari, un giorno, vedremo il tanto vociferato Surface Phone!

Potrebbe interesssarti anche...

5 motivi per installare una ROM cucinata nel proprio smartphone WP7 | OCEWeb.it

Come ripristinare i Nokia Lumia bloccati all’avvio | OCEWeb.it

F.A.Q. Windows Phone 7 | OCEWeb.it

F.A.Q. Windows Phone 8 | OCEWeb.it

Guida al flash di un terminale Windows Phone 7 – HTC HD7 | OCEWeb.it

Sostituire il LiveID di Windows Phone senza ripristinare il telefono | OCEWeb.it

Trasferire documenti pdf sul terminale windows phone 7 con Windows Phone Device Manager | OCEWeb.it